Buone pratiche da cui imparare

Le aree di riferimento per le buone pratiche

Risoluzione dei conflitti
La risoluzione dei conflitti è un modo per due o più parti di trovare una soluzione pacifica a un disaccordo tra loro. Il disaccordo può essere personale, finanziario, politico o emotivo. Quando sorge una controversia, spesso il miglior modo di agire è la negoziazione per risolvere il disaccordo.

Risoluzione dei problemi
Il problem solving è il processo di identificazione di un problema, di sviluppo di possibili percorsi di soluzione e di adozione della linea d’azione appropriata. Il processo di problem solving è legato alle capacità metacognitive di controllo esecutivo del compito, come l’autocontrollo e l’autoregolazione, e tende a svilupparle. Per il Progetto SUPPORT l’apprendimento degli adulti consiste in un processo continuo di problem-posing e problem-solving, soprattutto nel caso in cui si abbia a che fare con persone con un basso livello di competenze o qualifiche, dove l’ambiente di apprendimento non è solo messo alla prova dalle conoscenze da acquisire, ma deve fare i conti con una serie di preconcetti esistenti, esclusione sociale, stereotipi, barriere linguistiche, limitazioni culturali e altro.

La motivazione
La motivazione è il processo che avvia, guida e mantiene i comportamenti orientati agli obiettivi. È ciò che induce ad agire, sia che si tratti di bere un bicchiere d’acqua per ridurre la sete o di leggere un libro per acquisire conoscenze. La motivazione coinvolge le forze biologiche, emotive, sociali e cognitive che attivano il comportamento. Nell’uso quotidiano, il termine “motivazione” è spesso usato per descrivere il motivo per cui una persona fa qualcosa. È la forza trainante delle azioni umane.

Impegno attivo
L’impegno attivo si riferisce alla partecipazione attiva dei discenti nell’educare se stessi sia nelle microsocietà del contesto di apprendimento sia nella società attuale, nonché a una filosofia sposata da organizzazioni e istituzioni educative che sostengono che gli individui hanno determinati ruoli e responsabilità, essendo coinvolti nella difesa pubblica e lavorando per ottenere cambiamenti nelle loro sedi.

 

Le schede di buone pratiche (in inglese)
Sotto forma di schede informative, ovvero brevi schede di una pagina, presentiamo i principali vantaggi di ciascuna delle buone pratiche selezionate, come si vede qui di seguito.

Relevant Best Practice 1

Buona pratica 1

Relevant Best Practice 1

Buona pratica 2

Relevant Best Practice 1

Buona pratica 3

Relevant Best Practice 1

Buona pratica 4

Relevant Best Practice 1

Buona pratica 5

Relevant Best Practice 1

Buona pratica 6

Relevant Best Practice 1

Buona pratica 7

Relevant Best Practice 1

Buona pratica 8

Relevant Best Practice 1

Buona pratica 9

Relevant Best Practice 1

Buona pratica 10